I migliori consigli per il consumo di frutta e verdura nel diabete di tipo 2

Last Updated at:

Un nuovo studio supporta la raccomandazione di mangiare due porzioni di frutta al giorno per benefici per la salute e un minor rischio di diabete. In uno studio sulla popolazione australiana, gli adulti che mangiavano due porzioni di frutta al giorno avevano una probabilità inferiore del 36% di sviluppare il diabete entro 5 anni rispetto a quelli che mangiavano meno di mezza porzione di frutta al giorno, dopo aver aggiustato per fattori confondenti. br>Lo studio ha anche mostrato che una maggiore assunzione di frutta era associata a una maggiore sensibilità all'insulina e a una minore funzione delle cellule beta pancreatiche in modo dose-risposta. Inoltre, una maggiore assunzione di mele, ma non agrumi o banane, gli altri due frutti studiati, era associata a livelli sierici di insulina post-carico inferiori.
Ciò indica che le persone che consumavano più frutta, in particolare mele, dovevano produrre meno insulina per abbassare i livelli di glucosio nel sangue. Questo è importante poiché alti livelli di insulina circolante (iperinsulinemia) possono danneggiare i vasi sanguigni e questo è correlato non solo al diabete ma anche a ipertensione, obesità e malattie cardiache.
Quindi, lo studio supporta la raccomandazione della dieta australiana linee guida, ovvero 2 porzioni di frutta al giorno, dove una porzione è di 150 grammi, che corrisponde a una mela, arancia o banana di medie dimensioni. Tuttavia, il succo di frutta non era associato a migliori livelli di glucosio o insulina o a un minor rischio di diabete, probabilmente a causa del suo carico glicemico relativamente alto e del minor numero di fibre benefiche, ipotizzano i ricercatori, aggiungendo che i dati suggeriscono che anche il succo con fibre aggiunte non lo fa scatenare la sazietà. Quindi, i risultati dello studio prendono l'incoraggiamento del consumo di frutta intera, ma non di succo di frutta, per preservare la sensibilità all'insulina e mitigare il rischio di diabete di tipo 2.
Non è chiaro come mangiare frutta possa conferire protezione contro il sviluppo del diabete, ma rispetto alle persone con un basso consumo di frutta, il gruppo con un consumo moderato di frutta aveva una probabilità inferiore del 36% di sviluppare il diabete entro 5 anni, dopo aver aggiustato per età, sesso, attività fisica, istruzione, stato socioeconomico, reddito, indice di massa corporea, fumo, malattie cardiovascolari, storia familiare di diabete e consumo di alcol, verdure, carne rossa, carne lavorata e calorie.

Prevenzione del rischio di diabete di tipo 2

La migliore dieta per il diabete di tipo 2

Recenti studi hanno affermato che mangiare più frutta, verdura e cibi integrali può ridurre il rischio di sviluppare il diabete. In particolare, un gruppo di persone con un consumo totale più elevato di questi alimenti aveva un rischio significativamente inferiore di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto a un gruppo che ne assumeva pochi. Questi risultati forniscono ulteriore supporto alle attuali raccomandazioni per aumentare il consumo di frutta, verdura e cereali integrali come parte di una dieta sana per la prevenzione del diabete di tipo 2.
Allo stesso modo, in un ampio studio europeo, le persone con vitamina C plasmatica più elevata e i carotenoidi (assunzione di frutta e verdura) hanno avuto una minore incidenza di diabete di tipo 2. Questo studio suggerisce che anche un modesto aumento dell'assunzione di frutta e verdura potrebbe aiutare a prevenire il diabete di tipo 2, indipendentemente dal fatto che l'aumento riguardi le persone con un'assunzione inizialmente bassa o alta.
Precedenti studi hanno dimostrato che un consumo elevato di cereali integrali è associato a un minor rischio di sviluppare malattie croniche, tra cui diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari e obesità, e in particolare la ricerca ha dimostrato che i cereali integrali a colazione e il riso integrale sono legati a un minor rischio di diabete di tipo 2. Pertanto, effettuando una nuova ricerca, il consumo di base dei partecipanti di sette tipi di alimenti integrali - cereali integrali per colazione, farina d'avena, pane scuro, riso integrale, aggiunta di crusca, germe di grano e popcorn - si è basato sulle risposte personali ai questionari sulla frequenza degli alimenti . Durante un follow-up medio di 24 anni, 18.629 partecipanti hanno sviluppato il diabete di tipo 2. Dopo aver aggiustato l'indice di massa corporea, lo stile di vita e i fattori di rischio dietetici, i partecipanti al gruppo con il consumo totale di cereali integrali più elevati avevano un rischio inferiore del 29% di diabete di tipo 2 incidente rispetto a quelli del gruppo con il consumo più basso.
I cibi integrali più comunemente consumati erano i cereali integrali per la colazione fredda, il pane scuro e i popcorn e, rispetto a mangiare meno di una porzione al mese di cereali integrali per la colazione fredda o il pane scuro, mangiare una o più porzioni al giorno era associati a un rischio inferiore del 19% e del 21% di sviluppare il diabete, rispettivamente. Per i popcorn è stata trovata un'associazione a forma di J per l'assunzione, in cui il rischio di diabete di tipo 2 non è aumentato in modo significativo fino a quando il consumo non ha superato circa una porzione al giorno, il che ha portato a un aumento di circa l'8% del rischio di sviluppare il diabete, probabilmente correlato ai grassi e agli zuccheri aggiunti ai popcorn, affermano i ricercatori.
Per pasti interi consumati meno frequentementeds, rispetto al consumo di meno di una porzione al mese di farina d'avena, riso integrale, crusca aggiunta o germe di grano, i partecipanti che mangiavano due o più porzioni alla settimana avevano un rischio inferiore del 21%, 12%, 15% e 12% di sviluppare rispettivamente il diabete di tipo 2.
Le limitazioni includono il fatto che lo studio era osservazionale e potrebbe aver avuto fattori confondenti sconosciuti e i risultati potrebbero non essere generalizzabili ad altre popolazioni, notano gli autori.

Un piccolo studio precedente pubblicato dal Regno Unito ha esaminato come i livelli ematici di vitamina C e carotenoidi sono associati al diabete di tipo 2 incidente. Hanno studiato la relazione in 9754 adulti che hanno sviluppato il diabete di tipo 2 di nuova insorgenza e un gruppo di confronto di 13.662 adulti che sono rimasti liberi dal diabete durante un follow-up medio di 9,7 anni, da 340.234 partecipanti alla European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition ( Studio EPIC)-InterAct.
I ricercatori hanno utilizzato metodi di cromatografia liquida-ultravioletta ad alte prestazioni per determinare i livelli plasmatici di vitamina C e sei carotenoidi dei partecipanti (α-carotene, β-carotene, licopene, luteina, zeaxantina, β-criptoxantina ), che hanno utilizzato per calcolare un punteggio composito del biomarcatore.
La raccomandazione di mangiare almeno cinque frutta e verdura al giorno corrisponde a un consumo ≥ 400 g / giorno. Dopo aggiustamento multivariato, livelli più elevati di vitamina C e carotenoidi plasmatici sono stati associati a un rischio inferiore del 18% e del 25% di diabete di tipo 2 incidente per deviazione standard, rispettivamente. Rispetto ai pazienti i cui punteggi di vitamina C e biomarcatori compositi di carotenoidi erano inferiori del 20%, quelli con punteggi nel 20% più alto avevano la metà del rischio di diabete incidente. L'aumento del consumo di frutta e verdura di 66 g/die è stato associato a un rischio inferiore del 25% di sviluppare il diabete.
Tuttavia, il consumo di frutta e verdura rimane molto al di sotto delle raccomandazioni delle linee guida. Sebbene per decenni siano state raccomandate cinque porzioni al giorno di frutta e verdura, nel 2014-2015 il 69% degli adulti del Regno Unito ha mangiato meno di questo numero e questa percentuale è ancora più alta negli adulti europei (UE) (86%).

La migliore dieta per il diabete di tipo 2

La migliore dieta per il diabete di tipo 2

Secondo alcuni siti web, una dieta vegetariana o vegana è la dieta ideale per prevenire e curare il diabete, consentendoti di interrompere i trattamenti. Naturalmente, tali affermazioni sono completamente false ed è anche difficile determinare se una dieta vegetariana sia quella che dovrebbe essere raccomandata in prima linea nei pazienti con diabete nella speranza di ottenere il controllo del diabete e prevenire le complicanze.
Sicuramente sono benefiche le diete che non contengono alimenti di origine animale. D'altra parte, una dieta vegetariana, sebbene possa apparentemente fornire risultati positivi, va tenuto presente che si tratta di una tipica situazione in cui è impossibile stabilire un nesso causale tra un modo di mangiare e il rischio di malattia, data la l'importanza dei fattori confondenti. Essere vegetariani è associato, in media, a uno stile di vita in gran parte più sano. Questo è ben noto.
Inoltre, è risaputo che le diete ricche di proteine ​​o di grassi hanno un effetto drammatico sul controllo glicemico nei pazienti con diabete, oltre a provocare una rapida perdita di peso.
Infine, per quanto riguarda la dieta mediterranea, purtroppo, nessuno studio randomizzato ha mai confrontato una dieta vegetariana con una dieta di tipo mediterraneo, che contiene alimenti di origine animale. Questa è una grave mancanza. Idealmente, queste diete dovrebbero essere confrontate se si vuole davvero concludere che il vegetarianismo è superiore. Si tratta di una carenza tanto più che esiste un'abbondante letteratura a favore della dieta mediterranea per prevenire e curare i fattori di rischio cardiometabolico, e soprattutto per migliorare il controllo glicemico nei diabetici.
Sebbene nessuno studio clinico abbia confrontato la dieta vegetariana con la dieta mediterranea, esiste una meta-analisi di rete recentemente pubblicata il cui risultato complessivo è a favore della dieta mediterranea per quanto riguarda il controllo glicemico. La dieta mediterranea sembra essere almeno altrettanto efficace o addirittura superiore a una dieta vegetariana, che non è poi così male e che è associata a un migliore controllo del diabete.

Author: ZhuMengying

Note: All information on Sinocare blog articles is for educational purposes only. For specific medical advice, diagnoses, and treatment, consult your doctor.


Older Post Newer Post

lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati